Concorso fotografico Packlick: la serata di premiazione, i vincitori, gli ospiti e le dichiarazioni

Il 16 giugno 2016 a Milano si è svolta la serata di premiazione di Packlick Mem. Giuseppe Meana, concorso di fotografia sul packaging cartaceo. Un importante incontro fra il mondo industriale e giovani studenti di fotografia da tutta Italia, uniti nel ricordo di un ex presidente Gifasp, per premiare i vincitori e parlare dei temi più attuali legati al packaging cartaceo.

Assemblea di Primavera GIFASP 2016

Si è tenuta lo scorso 20 aprile, presso la Fortezza Viscontea di Cassano D’Adda (MI), l’Assemblea di Primavera 2016 del GIFASP – Gruppo Italiano Fabbricanti Astucci e Scatole Pieghevoli.In occasione di tale evento, si sono svolte le riunioni del Comitato Esecutivo e dell’Assemblea dei Soci. La giornata è stata completata da una visita per tutti i partecipanti allo stabilimento della Cartotecnica Goldprint (associato GIFASP).

Concorso fotografico Packlick: una giuria d’eccellenza

Una giuria d’eccellenza per “Packlick, concorso fotografico 2016 - Memorial Giuseppe Meana”.  Ecco la breve intervista ai giurati  Fabio Castelli, Piero Gemelli, Barbara Frigerio, Eliana Farotto, Emilio Albertini e Anita Cattania Meana sugli elementi costitutivi di questo concorso, ovvero la fotografia di alta qualità, il talento giovanile e la sostenibilità del packaging cartaceo.

Packlick, concorso fotografico Memorial Giuseppe Meana dedicato al packaging cartaceo ed al talento giovanile

GIFASP, in collaborazione con l’Azienda Pusterla 1880 Spa, promuove una nuova iniziativa: “Packlick, concorso fotografico 2016 - Memorial Giuseppe Meana”. Nasce per ricordare un imprenditore di valore ed ex presidente del Gruppo e per sensibilizzare i giovani sulla sostenibilità e l’appeal comunicativo del packaging cartaceo.

L’inchiesta GIFASP: nei risultati la famiglia è al centro, mentre tra gli alimenti la pizza è al top e i devices tecnologici superano i giocattoli.

Pensieri, ricordi, sogni, alimenti e oggetti e la loro cura e conservazione sono gli argomenti su cui si è soffermata l’inchiesta lanciata dall’Associazione Gifasp riguardante i momenti importanti da proteggere nella vita. Oltre 200 bambini e ragazzi hanno dato la loro risposta su cosa vogliono conservare della propria vita, in sintonia con il claim “Cultura della protezione e della sostenibilità” sviluppata da GIFASP durante tutto il 2015, ricordando che conservare le cose importanti vuol dire proteggere e difendere i punti di riferimento, non solo materiali, della vita. Una particolarità: dalle indicazioni emerse risulta molto importante non solo il cibo ma anche chi lo cucina… L’alimento più gradito è quella preparato dalla mamma o dalla nonna.

Pagine

Iscriviti a GIFASP - Gruppo Italiano Fabbricanti Astucci e Scatole Pieghevoli RSS
Privacy Policy